Packaging alimentari divertenti e creativi | Stregattodesign Studio

Packaging alimentari divertenti e creativi

Packaging alimentari divertenti e creativi

L’ironia è uno degli strumenti di marketing più efficaci e per questo in molti casi viene utilizzata in tutti gli ambiti della comunicazione aziendale, realizzando packaging alimentari divertenti e creativi. Una situazione o un’idea divertente regala un’esperienza gradevole che facilita la memorizzazione del prodotto e crea una sorta di contatto e di senso di appartenenza con il cliente. Molto spesso il contenuto ironico viene costruito con un linguaggio che viene compreso soprattutto o solamente da chi fa parte del target di riferimento e non venga riconosciuto dalla maggior parte degli altri.

Giocare con l’ironia infatti è molto difficile perché può rischiare di suscitare reazioni opposte a quelle desiderate in quanto l’elemento ironico può essere frainteso o non capito provocando indignazione e fastidio, per questo farne uso richiede molta cautela e lucidità.

L’ironia può essere vestita di varie forme nel design di un packaging alimentare: si parla di Personalizzazione quando si crea un personaggio umoristico per rappresentare il prodotto, si ricorre a giochi di parole anche visivi che si relazionano con il prodotto per creare una combinazione divertente, si usa il Paragone, ovvero della comparazione di un prodotto a qualcosa di platealmente diverso per ottenere un effetto umoristico, l’Esagerazione per esaltare il prodotto in modo iperbolico senza risultare antipatici, si può sostituire il prodotto con qualcosa che ha uno scopo diverso oppure giocare con l’incrocio tra realtà e finzione dando alla confezione l’aspetto stesso del prodotto oppure un aspetto completamente diverso.

Linea di caramelle per Halloween Monster Candy McJerrys creato dall’agenzia Firstbase Media, di Nuova Delhi, India.

Confezione per la birra di Black Market Goods realizzato da Marco Manansala.

Linea tartufi di cioccolato Fresh and Good con tappo girevole che mescola le teste dei personaggi realizzato da Supperstudio, Madrid/Bilbao Spagna, premiato con l’ora al Pentaward 2017.

Packaging della Vodka FIRE FIGHTER “Use in case of party” progettato da Timur Salikhov, Russia.

Packaging per ghiaccioli Dino Ice Cream progettato da Sasha Perelman, Katya Mushkina.

Packaging per carne per cani “Affinity Ultima Bon Apetite” realizzata dall’agenzia igriega.

Linea di caramelle di The Natural Confectionery co Creati dall’agenzia multinazionale Pearlfisher.

Packaging per la confezione regalo delle birre Farmhouse Ales realizzato da Insite Design.

Packaging delle patatine di cavolo asciugate all’aria Leafy

 

Packaging del vino Dilé di Santero Fratelli & CIVASS

Packaging per ICA, realizzato da Klas Fahlen.

Packaging design personalizzabile per Moët’s Rosé Impérial Champagne creato da Alessio Krauss.

Packaging delle marmellate Gramma’s Hand Cranked Jam progettato da Ben Loth.

Packaging A Bigger Harvest per confezione di mandarini usato come gift augurale (dall’accostamento del mandarino il frutto del capodanno cinese che significa “oro” e della carota come simbolo del 2011 ovvero “l’anno del Coniglio”), delle agenzie Alpha 245 e Leo Burnett.

Linea di pesce in scatola Riscos con illustrazioni realizzate da Carla Nazareth per l’agenzia Portoghese NósNaLinha.

Frozen Ghost Vodka, the “Supernatural Super-Premium Vodka” di Frozen Ghost Distilling Company realizzata da Levenson & Hill, Dallas, USA.

Il marchio Kohberg è il più grande produttore di pane in Danimarca ha commissionato questo packaging all’agenzia Envision per sensibilizzare l’opinione pubblica sul cancro al seno, la confezione è simpatica anche se veicola un messaggio importante. Kohberg ha usato questa confezione per un periodo per il loro pane di segale, il cui ricavato è stato devoluto interamente a The Danish Cancer Society.

Packaging per bottiglia del latte “Molocow” realizzata da Imedia Creative Bureau.

Packaging per linea di pesce fresco J.A.Seafood realizzato da Janis Andersons.

Packaging per gli snack per cani Whitebites realizzato da Cecilia Uhr.